Carnevale di Viareggio Carri Allegorici 

 

 

Nel leggendario labirinto di Cnosso, il Minotauro Asterione, divino e feroce esseremostruoso, consuma ogni anno il tributo disangue che la città di Atene offre alla dominazione Minoica.

Il racconto prosegue con l’incursione a Creta del popolare eroe greco Teseo.
Qui, raggiunto il palazzo reale, l’eroe Teseo, con l’aiuto di Arianna, sorellastra di Asterione, entra nel labirinto e sconfigge il Minotauro. La razionalità vince sull’istinto.
Prosegue la storia narrando le vicende del rientro ad Atene di Teseo.
In seguito il mito, tra favola e propaganda politica, ci racconterà delle gesta regali ed illuminate dell’Eroe: la federalizzazione dell’Attica, l’istituzione del Gran Concilio con lo scioglimento dei governi locali, la Corte Suprema, l’istituzione della moneta Ateniese: un eroe nazionale, finchè dalla protostoria minoica, risorge un essere. Un idolo potente, totalitario, cosmopolita, mascherato e bestiale, alla cui corte razzolano politici imbonitori di professione, europeisti per cinismo, massacratori della vita dei cittadini più deboli, alleati delle oligarchie economiche globalizzate.

La bestia avida di denaro, fuori dal labirinto, incontra le sue vittime sacrificali. Proteggendosi con lo scudo della politica monetaria, fendendo colpi mortali con la sua bipenne, va mugghiando di democrazia.

 

 

Fase di progettazione

 

 

Fase di lavorazione

 

 

Costruzione ultimata